Come avere un giardino libero dalle zanzare in 15 giorni senza doverti rinchiudere sempre in casa, anche se hai già spray, impianti repellenti e candele alla citronella

Ho deciso di scrivere questo articolo perché ne ho viste tante ed è il momento di chiarire.

Sono un giardiniere da più di 10 anni e in ogni giardino che sono andato ho riscontrato gli stessi problemi.
Come te, amo stare all’aria aperta, e mi piace vivere il mio giardino, qualsiasi stagione sia. Credo sia come avere più stanze della casa e ritengo che le informazioni di cui ti parlerò in questo articolo potranno salvarti dai futuri attacchi di zanzare, urticanti, irritanti e dannose per te e per i tuoi cari.
Pensa un secondo a questa situazione, che è successa al mio amico Leonardo.

E’ una stupenda giornata di sole primaverile, calda e avvolgente. 

Leonardo arriva a casa dal lavoro stanco, fa una doccia e vuole cenare in giardino per rigenerarsi in mezzo alla natura, godersi il suo meritato relax e finalmente rilassarsi.

Appena si siede però, le zanzare iniziano a cenare insieme a lui, ronzii ovunque, lo pungono, lo irritano e lo attaccano da ogni lato. 

Decide quindi di alzarsi dalla sua comoda sedia, andare a prendere il suo spray antizanzare comprato l’anno precedente, se lo spruzza addosso e fa una scoperta spiacevole. Oltre a puzzare, le zanzare ronzano intorno come prima e negli spazi della pelle in cui non è unto come un’oliva sott’olio, le maledette lo beccano e lo infastidiscono tanto quanto prima. 

Con l’appetito passato e il relax andato a farsi benedire, torna in casa rinunciando alla sua serata piacevole in giardino.

Il nostro amico Leonardo comunque non demorde l’indomani compra candele e uno spray innovativo che dice di creare una barriera protettiva nel posto dove mangi e delle candele alla citronella.

Alla sera con le candele che profumano solo un pò l’ambiente e lo spray nocivo che allontana le zanzare per 10 minuti, e poi ritornano più cattive di prima, constata che neanche quella sarà la serata giusta per stare tranquillo in esterna.

Eppure lui il suo giardino lo ama, si è preso appositamente una casa con giardino per potersi godere i momenti di serenità all’aperto, se però non può uscire senza essere attaccato da mille zanzare, era meglio stare in appartamento.

Non contento e deciso ad andare fino in fondo alla questione, decide di affidarsi ad una presunta azienda che promette di risolvere il problema con un impianto fisso e inamovibile, fatto di tubi esterni nella zona dove si crede di stare di più in giardino.

Ora dopo un preventivo poco economico, decide che comunque è un investimento doveroso per la sua casa e per la sua famiglia. 

Dopo mezza giornata di cavi e tubi tirati di qua e di la, l’impianto è concluso e funzionerà spruzzando dai beccucci una sostanza costosa e innocua per l’uomo (chissà se lo è davvero?) ripetutamente durante il giorno.

In questo caso il risultato è sicuramente migliore rispetto alle altre soluzioni, ma ben presto Leonardo si accorge che appena si sposta un pò dall’area dell’impianto, le zanzare sono più cattive di prima e la sostanza apparentemente innocua provoca a tutta la famiglia sensazioni anomale al volto, prurito e irritazione che dopo 24 ore se ne vanno.

Mi dispiace raccontarti questa storia, ma purtroppo questa è la storia di centinaia di persone che hanno una casa con uno spazio esterno.

Ma bisogna necessariamente rinunciare a godere delle serate all’aperto?

Ecco perché avere un giardino senza zanzare in soli 15 giorni sembra impossibile per il 90% delle persone?

Se investi per liberarti dalle zanzare, che tu sia una persona che arriva a casa tardi dal lavoro o che tu svolga attualmente il tuo lavoro da casa, lo scopo è uno solo: goderti la tua area esterna in tranquillità, relax e concentrazione (se devi lavorare)! 

Per fare questo utilizzi gli spray, le candele o gli impianti ad hoc, che cercano di venderti come le soluzioni definitive, quando invece puzzano e non funzionano, sono costosi, irritanti per la tua pelle e l’effetto passa in pochissimo tempo.

Le soluzioni veloci e con gli spray purtroppo ungono e appiccicano la pelle e non sortiscono l’effetto sperato. Idem per gli spray dell’ambiente, che durano 10 minuti e sono dannosi per la respirazione dell’uomo.. infine ci sono gli impianti fissi che agiscono solo in una zona delimitata, hanno i tubi a vista e spruzzano sovente nell’arco del giorno, una sostanza che ad alcune persone potrebbe provocare irritazioni al viso …

Voglio svelarti qualche segreto riguardo gli impianti fissi antizanzare:

Gli impianti fissi antizanzare, sono arrivati in Italia circa 6 anni fa, e sono stati per un pò di tempo la soluzione migliore per allontanare le zanzare, se avevi una zona ristretta e circoscritta all’esterno, potevano anche funzionare abbastanza bene, allo stesso tempo, avevano 3 grossi difetti.

Il primo è che gli impianti fissi sono inamovibili e quella è l’unica zona del giardino che riescono ad allontanare le zanzare, non si può spostare per un altra zona del giardino e se vuoi allargare il tuo raggio di azione ne devi necessariamente comprare un’altro, con relativo costo di impianto e di montaggio.

Il secondo problema è che i tubi in plastica nera, sono a vista, ossia si vedono tanto e rovinano il design e l’atmosfera dell’ambiente circostante.

La terza grossa preoccupazione è il pericolo che corre chi vive in quell’ambiente è quello di incappare in formicolii, sensazioni strane e irritazioni forti al viso.

Insomma è come quando devi fare un lungo viaggio e come mezzo utilizzi un vecchio trattore inquinante e tossico e senza ripari dal vento, funziona, ma non è certo la soluzione più economica, affidabile e confortevole.


Quindi, scegliere gli impianti antizanzare fissi è un suicidio, perché:

1. Non puoi muoverli e fuori dalla zona di montaggio non fanno più effetto.

2. Sono antiestetici , perchè devono essere visibili per funzionare, e rovinano il design e l’ambiente circostante.

3. Creano in molte persone, reazioni fastidiose al viso, con prurito e sensazioni strane.

4. Hanno un costo d’impianto difficilmente sostenibile e non hai nessuna garanzia.


Qualsiasi strumento tu utilizzi sembra non esserci via d’uscita, in ogni caso avrai grossi svantaggi per i pochissimi vantaggi acquisiti.

Sai qual’è il vero problema? 

Che hai un giardino inutilizzabile! 

E’ bello quando vai a vivere nella tua nuova casa, che hai ottenuto con svariati sacrifici, proprio anche per avere uno spazio esterno in più per te e per i tuoi cari.

Ogni giorno hai mille impegni a cui far fronte, per riuscire a mantenere quella casa dei sogni, e più passa il tempo e più ti accorgi che hai quasi gli stessi benefici di un alloggio, anzi , con lo svantaggio di dover curare un giardino inutilizzabile, e spese in più da sostenere.

Ma una soluzione c’è

Oggi c’è un’azienda che garantisce il risultato di eliminare le zanzare, o ti rimborsa al 100%.

A differenza di tutti gli altri, che hanno costi d’impianto esagerati, e sono pericolosi per l’uomo, adesso esiste un prodotto senza costi d’impianto, che funziona naturalmente come il respiro umano.

Questo prodotto è l’unico ad essere stato costruito in modo tale da eliminare il ciclo di riproduzione delle zanzare e quindi interrompere il problema alla radice.

E’ stato fatto per essere movimentato facilmente, il più piccolo possibile, e con una sicurezza estrema per l’uomo data la sua funzionalità che è esattamente come il respiro umano naturale. GUARDA IL VIDEO

SCRIVIMI QUA SOTTO ORA e se ti fa piacere, sarai informato sulle novità e i vantaggi dedicati alla tua area esterna .

A presto con ulteriori novità

Marco Bressi 
Fondatore Giardinaggio Garantito

2 risposte a “Come avere un giardino libero dalle zanzare in 15 giorni senza doverti rinchiudere sempre in casa, anche se hai già spray, impianti repellenti e candele alla citronella”

  1. Molto molto interessante! Incrociando le dita spero di risolvere e di non finire nella categoria “giardino inutilizzabile”!

    Sapreste raccomandare qualche metodo naturale prima di arrivare ad operare una disinfestazione in “grande stile”?

    1. Buongiorno,
      mi fa piacere il suo interesse per i metodi naturali, il sistema di intrappolamento di cui parlo sopra è già totalmente naturale, nel quale appunto non si utilizzano prodotti chimici ma solo elementi che già la natura emette, come l’anidride carbonica.

      Al tempo stesso, se si volesse preparare un prodotto da spalmarsi sulla pelle, consiglio questo:

      “Prendi una bottiglia da 100 ml, mescola 10 ml di olio di eucalipto limone con 90 ml di olio di oliva o olio di cocco, e mescola bene. Applica l’emulsione antizanzara naturale direttamente sulla pelle. Riapplica spesso la miscela, soprattutto quando esci”
      (Fonte Ecobnb https://ecobnb.it/blog/2019/08/antizanzare-naturale/)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.